Il quartiere Gescal non deve rimanere indietro!

La notizia di ciò che è accaduto nel quartiere Gescal ci ha molto colpiti.
Come sapete un gruppo di cittadini del quartiere ha provveduto autonomamente alla pulizia delle aree verdi antistanti al plesso di edilizia popolare sito in via Grazia Deledda e all’installazione di alcuni giochi per bambini e di una piscina. La polizia municipale, nella giornata del 10 giugno 2019, ha proceduto alla rimozione delle strutture montate in quanto risultavano non autorizzate ed occupanti del suolo pubblico senza titolo.

Chi conosce quel quartiere sa bene che i cittadini si sono attivati autonomamente per sopperire a strutturali mancanze di manutenzione dell’area verde e alla totale mancanza di servizi e spazi aggregativi. 
Ciò che è accaduto lo abbiamo percepito come una forma di resilienza cittadina che non poteva cadere nel vuoto.

Noi del MoVimento 5 Stelle di Acerra riteniamo, inoltre, che sia compito fondamentale della classe politica percepire i disagi e le problematiche della collettività e trovare le giuste soluzioni nel solco della legalità.

Per questo, ieri, in consiglio comunale, di concerto con alcuni cittadini del quartiere, abbiamo chiesto al Sindaco di valutare di concedere ad un’associazione del quartiere o al condominio l’occupazione del suolo pubblico, prevedendo ai sensi dell’art. 4 e 5 del regolamento comunale che disciplina l’occupazione del suolo pubblico, l’esenzione dal pagamento del canone di occupazione.

Il Sindaco ha banalizzato tutto riducendo la questione alla volontà del MoVimento di mettere “una piscinetta e far fare il bagno alle persone”. Inoltre mi ha risposto dicendo che lui deve tutelare la salute delle persone e il decoro igienico-sanitario. 
Ho replicato al sindaco e alla sua ipocrisia ma ora non voglio stare qui a dirvi cosa ho detto, vi dico solo di guardare questo video che è la miglior risposta che si potesse dare al sindaco.
Ringrazio Sergio Pizzo, perché questa ipocrisia deve cadere dinanzi alla potenza della realtà.
So già che i cittadini non si fermeranno.

Carmela Auriemma

CHIEDIAMO SCUSA AL SINDACO E ALL'AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI ACERRA È GRAZIE PER LA PREMURA CHE AVETE VERSO I NOSTRI FIGLI

Slået op af Sergio Pizzo i Onsdag den 12. juni 2019
Cosa ne pensi?

Related posts

Leave a Comment